Inspiring Leadership | Monozukuri and Mu in Ozu Cinema

Inspiring Leadership | Monozukuri and Mu in Ozu Cinema

Roberta Talarico and Alessandro Avataneo are co-authors of this article.

The core of the Hypercritic foundation is the idea of change. In the chaotic aftermath of the pandemic, the Japanese concepts of Monozukuri and Mu offer a new perspective on how to lead change in a sustainable direction if combined with a disruptive narrative.

Storytelling is a democratic, economic and peaceful way to inspire change, more effective than violence and even law. More than people, nations, and even buildings, stories are artifacts that can survive human entropy and travel far away in time and space while preserving their essence. Whether it be a handbook of an entire civilization like Homer’s Iliad and Odyssey, a guide to the afterlife like Dante’s Divine Comedy, or the general catalog of human nature, like Shakespeare’s corpus of tragedies and comedies, stories are the shared attempt of humanity to witness, represent, and find meaning in life. Therefore, the art of telling stories is not abstract or detached from reality, but it’s a practical way to change the world and build the ability and preconditions to generate change.

Monozukuri as a sense-making way of behaving

One way of synthesizing the craftsmanship and dedication required to create a work of art is the Japanese concept of monozukuri (written as 物作り, or as ものづくり) which means to make (zukuri) things (mono) and is the Japanese term for manufacturing. The broader meaning encompasses a synthesis of technological prowess, know-how, and spirit of Japan’s manufacturing practices. The core values include a sincere attitude towards production with pride, skill, care, dedication, and the pursuit of innovation and perfection. It requires creative minds and is often related to craftsmanship, patience, and lengthy, careful apprenticeship practice.

Monozukuri is more a philosophy rather than a technique or method. It is a buzzword in Japan, and many Japanese people believe that has it led Japan to a dominant position in the world market.

In 1998, the Japanese Prime Minister’s Office set up a “monozukuri kondankai (consultative council on monozukuri)” and enacted the Basic Law for Promoting Monozukuri Foundation Technology. Its purpose was to reverse the de-industrialization trend and hollow out what Japan was experiencing after the end of the Japanese financial bubble in the 1990s, by reaffirming Japan’s strengths in manufacturing.

Limits facing the current global challenges

Since the Paris Agreement in 2015, at the global level, there have been efforts addressing Climate Change and the other Sustainability Development Goals (SDGs). According to the last UN Assessment Report on Climate Change (2021), despite those efforts, nobody will reach any objectives within 2030.

According to the U.S. Bureau of Labor Statistics, 4 million Americans quit their jobs in July 2021. Resignations peaked in April and have remained abnormally high for several months, with a record-breaking 10.9 million open positions at the end of July. Ian Cook from Harvard Business Review led an in-depth analysis of more than 9 million employee records from more than 4,000 companies to explore who has been driving this recent shift. Among the insights raised, on one side, is the big issue for employers on how to continue to run their activities, and on the other side a new common trend to look for sense-making jobs more than just technical roles based on hard skills, which is still what most key players demand.

The political value of Ozu’s cinema

The philosophical concept of Monotsukuri can revitalize work ethic and ownership. Japanese director Yasyujiro Ozu used to control every aspect of production, carefully redesigning reality as a domestic, Mondrianesque diorama. Like a careful artisan and demiurge, he is giving shape to a quiet universe of feelings and impermanence in his cinematic art, where objects and spaces witness our brief passage into this world. Ozu is revered as the cantor of Japanese nostalgia, and his world is a place that resembles paradise, in the words of admirers like Wim Wenders.

Looking closer, in this apparent stillness lies the spark of a revolution that anticipates contemporary struggles. Ozu, never married, is a feminist, like Kenji Mizoguchi, the other Japanese director who told iconic stories of oppressed and suffering women. In Ozu’s stories, men preserve tradition and replicate old schemes. Women, such as Noriko Somiya in Late Spring or Noriko Hirayama in Tokyo Story – both played by Ozu’s muse Setsuko Hara – want to break the rules and ask for recognition and freedom and the right of self-determination without discrimination.

What is unique about Ozu is that these individual revolutions are peaceful. They break the old schemes without violence being deployed, to preserve human and family relations. These women keep caring for their parents, even in the presence of a radical divergence, even if they are not their biological parents like in Tokyo Story. Like Ryosuke Hamaguchi’s Drive my Car or Hirokazu Kore’eda’s Shoplifters, Ozu’s movies resonate at the opposite poles of recent variations on the same theme.

Titane by 2021 Palme d’Or winner Julia Ducournau explores the conflict between relations and independence, identity, rebellion, and ultimately the freedom of being whoever one wants to be but in a highly violent way that traumatizes the audience deliberately. Pursuing a radical change without violence or vengeance is more complex: it means embracing diversity and ambiguity, pursuing dialogue and patience, no matter what. Promising Young Woman by Emerald Fennel, who won the Academy Award for Best Screenplay, portrays a society where all men are rapists or potential rapists and assassins, or, in the best-case scenario, accessories to murder and rape.

In Ozu’s world, too, men are oppressive, and violence is present, though less visible because it is inherent in Japanese society’s language and patriarchal structure. In these films, Japanese women struggle for their rights and bring change little by little, without violence, without disrupting human relations, and coping with their pain without inferring pain to others.

The opportunity of a new approach to leadership

On a craftsmanship level, Ozu turns a technical limit into a creative solution. His zen wisdom can inspire leaders who are facing climate change and recurrent economic crises. The idea of never moving the camera came to Ozu after he became aware that he didn’t have the technical means to move the camera in the way he wanted to. So he chose a sustainable approach and turned the economic restrictions into a new, rigorous, and unique cinematic gaze built on the ancient stillness of traditional painting and the origins of cinema.

Another principle of expressive and economic synthesis followed by Ozu is the concept of Mu, emptiness, which is not just any emptiness, but the silent emptiness that precedes idea and presence. There is Mu in the pillow shots, which are the specific transition of Ozu from one scene to another, Mu is the alternative to the classic cross-dissolve, but also represents the stillness of things and spaces waiting to be inhabited by humans. Ozu used to say that there is no possibility of dwelling in a room if the room is not empty before. That is why there are seemingly empty shots in all of his films: they are quiet moments where the audience can inhabit Ozu’s cinematic world and contemplate it, waiting for his characters to show up and for the story to continue. Mu is also the silence that precedes the creative act, and the ideogram on Ozu’s graveyard.
A radical, counterintuitive example in the time of social media.

Mu can inspire an innovative approach to leadership: creating a space where the new can raise, and rise up, according to the beings around. Martin Heidegger expresses a similar principle in his Being and Time: care is the being shining in the things that are tangible.

The world is currently facing a crucial turning point. A political and economic application of Monozukuri and Mu can offer an alternative to dray circularity and logic of unsustainable profit. Workers demand more flexible options and a healthy environment from their companies. Employers can address the Great Resignation trend by evolving the concept of smart working into wise working: pursuing KEI (Key Evolution Indicators) instead of just KPI (Key Performance Indicators). Changemakers and key players can use Monozukuri and Mu as a disruptive and non-destructive process to develop human potential.

_____ _____ _____

Italian version

Ispirare la Leadership Contemporanea | Monozukuri e Mu nel Cinema di Ozu

Al centro della fondazione di Hypercritic c’è l’idea di cambiamento. Nel caos post-pandemco, i concetti giapponesi di Monozukuri e Mu offrono una nuova prospettiva su come guidare il cambiamento in una direzione sostenibile, se associati a una narrazione dirompente.

La Narrazione o Storytelling è uno strumento democratico, economico e pacifico per ispirare il cambiamento, più efficace della violenza e persino delle leggi. Più delle persone, delle nazioni e persino degli edifici, le storie sono artefatti che possono sopravvivere all’entropia umana e viaggiare lontano nel tempo e nello spazio, conservando intatta la loro essenza. Che si tratti di un manuale di un’intera civiltà come l’Iliade o l’Odissea di Omero, di una guida all’Aldilà come la Divina Commedia di Dante, o del catalogo generale della natura umana, come il corpus di tragedie e commedie di Shakespeare, le storie sono il tentativo condiviso dell’umanità di testimoniare, rappresentare e trovare significato nell’esperienza che chiamiamo vita. Pertanto, l’arte di raccontare storie non è astratta o distaccata dalla realtà, ma è un modo pratico per cambiare il mondo e costruire le premesse per generare cambiamento e produrre nuova realtà.

Monozukuri, il senso nel fare

Un modo per sintetizzare la capacità e la cura necessarie a realizzare un’opera è il concetto giapponese di monozukuri, scritto 物作り, o anche ものづくり che significa fare (zukuri) cose (mono) ed è utilizzato in giapponese per intendere la manifattura. In termini più ampi include l’abilità tecnologica, il know-how e lo spirito dei processi produttivi giapponesi. I valori chiave comprendono l’attitudine alla produzione con orgoglio, competenza, cura, precisione, dedizione, e mirano all’innovazione e alla perfezione. Richiede menti creative ed è spesso legato a maestria, pazienza e lunga e attenta pratica.

Monozukuri è più una filosofia che una tecnica o un metodo. E’ una parola di moda in Giappone, e molti giapponesi sono convinti sia all’origine del successo della produzione giapponese nel mercato globale.

Nel 1998 il primo ministro giapponese stabilì un monozukuri kondankai (un consiglio consultivo sul monozukuri) e emanò una legge per promuovere la Monozukuri Foundation Technology. L’obiettivo era invertire  il processo di de-industrializzazione che il Giappone stava vivendo negli anni ’90 e riaffermare la sua forza nel settore produttivo.

Limiti alle sfide globali della contemporaneità

Dall’Accordo di Parigi del 2015, a livello globale, ci sono stati ingenti sforzi rispetto al cambiamento climatico e ai 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Stando all’ultimo UN Assessment Report on Climate Change (2021), nonostante tutto l’impegno, nessuno degli obiettivi sarà raggiunto entro il 2030.

Secondo l’ufficio studi sul lavoro americano, nell’ultimo anno 4 millioni di americani hanno lasciato il proprio lavoro (dati al luglio 2021). Le dimissioni sono salite in aprile e sono rimaste estremamente alte per mesi, con il record di 10.9 milioni di posizione vacanti a luglio. Ian Cook della Harvard Business review ha condotto una analisi approfondita su 4.000 imprese e più di 9 million di casi, per esplorare le ragioni di questo trend. Tra i risultati emersi, da un lato, c’è il problema per le aziende di come continuare a gestire le loro attività, e dall’altro una nuova tendenza comune a cercare posti di lavoro che diano senso alla vita, più che meri ruoli tecnici basati su competenze verticali, che è ancora ciò che la maggior parte dei datori di lavoro richiede.

Il valore politico del Cinema di Ozu

Il concetto filosofico di Monozukuri può ripristinare un senso di responsabilità e etica del lavoro. Il regista giapponese Yasyujiro Ozu era noto per la cura meticolosa che dedicava a ogni dettaglio delle sue produzioni, riprogettando la realtà in studio come se fosse un diorama domestico alla Mondrian. Come un paziente e attento artigiano/demiurgo, nella sua arte cinematografica Ozu dà forma a un tranquillo universo di sentimenti impalpabili, dove gli oggetti e gli spazi sono testimoni del nostro breve passaggio in questo mondo. Ozu è venerato come il cantore della nostalgia giapponese, e il suo mondo è un luogo che assomiglia al paradiso, nelle parole di ammiratori come Wim Wenders.

A ben guardare, in questa apparente immobilità si nasconde la scintilla di una rivoluzione che anticipa le lotte contemporanee. Ozu, mai sposato, è un autentico femminista, come Kenji Mizoguchi, l’altro regista giapponese che ha raccontato storie iconiche di done sofferenti e oppresse. Nelle storie di Ozu, gli uomini conservano le tradizioni e replicano vecchi schemi. Le donne, come Noriko Somiya in Tarda Primavera o Noriko Hirayama in VIaggio a Tokyo – entrambe interpretate dalla musa di Ozu, Setsuko Hara – vogliono rompere le regole e rivendicare dignità, libertà e diritto all’autodeterminazione, senza venire per questo discriminate.

Ciò che è unico in Ozu è che queste rivoluzioni individuali sono pacifiche. Rompono i vecchi schemi senza ricorrere alla violenza, per preservare le relazioni umane e familiari. Queste donne continuano a prendersi cura dei loro genitori, anche in presenza di radicali divergenze, anche se non sono i loro genitori biologici come in Viaggio a Tokyo. Come Drive my Car di Ryosuke Hamaguchi o Un affare di famiglia di Hirokazu Kore’eda, i film di Ozu risuonano ai poli opposti delle recenti variazioni sullo stesso tema.

Titane di Julia Ducournau, vincitrice della Palma d’Oro nel 2021, esplora il conflitto tra relazioni e indipendenza, identità, ribellione e, infine, la libertà di essere chiunque si voglia essere, ma lo fa sottoponendo il pubblico a una violenza estrema, scegliendo di traumatizzare in maniera deliberata e gratuita. Perseguire un cambiamento radicale senza violenza o vendetta è più complesso: significa abbracciare la diversità e l’ambiguità, perseguire il dialogo con pazienza e a ogni costo. Promising Young Woman di Emerald Fennel, che ha vinto il premio Oscar per la migliore sceneggiatura, ritrae una società in cui tutti gli uomini sono stupratori o potenziali stupratori e assassini o, nel migliore dei casi, complici di omicidi e stupri.

Anche nel mondo di Ozu gli uomini sono oppressivi e la violenza è presente; meno visibile, perché intrinseca nel linguaggio e nella struttura patriarcale della società giapponese. In questi film, le donne giapponesi lottano per i loro diritti e innescano il cambiamento poco a poco, senza violenza, senza sconvolgere le relazioni, e affrontando il loro dolore senza infliggere ulteriore dolore ad altri.

L’urgenza di un nuovo approccio alla Leadership

A livello artigianale, Ozu trasforma limiti tecnici in soluzioni creative. La sua saggezza Zen può ispirare i leader che stanno affrontando emergenza climatica e crisi economiche sempre più ricorrenti. L’idea di non muovere mai la macchina da presa è venuta in mente a Ozu dopo essersi reso conto di non avere a disposizione i mezzi tecnici per muoverla come avrebbe voluto. Così ha scelto un approccio sostenibile e ha trasformato le restrizioni economiche in un nuovo, unico, radicale e rigoroso sguardo cinematografico costruito sull’antica immobilità della pittura tradizionale e sulle origini del cinema come ripresa fissa.

Un altro principio di sintesi economica de espressiva seguito da Ozu è il concetto di Mu, il vuoto, che non è un vuoto qualunque, ma è il vuoto silenzioso che precede l’idea e la presenza. Si basano sul Mu gli inserti tipici di Ozu: inquadrature vuote che segnano il passaggio da una scena all’altra. Il Mu è l’alternativa alla classica dissolvenza incrociata, ma rappresenta anche l’immobilità delle cose e degli spazi in attesa di essere abitati. Ozu diceva che è impossibile dimorare in un luogo, se prima il luogo non è vuoto. Ecco perché ci sono inquadrature apparentemente vuote in tutti i suoi film. Sono momenti tranquilli in cui il pubblico può abitare il mondo cinematografico di Ozu e contemplarlo, in attesa che i suoi personaggi si presentino e che la storia prosegua. Mu è anche il silenzio che precede l’atto creativo e l’ideogramma sulla tomba di Ozu.
Un esempio radicale e controintuitivo nell’epoca dei social media.

Il concetto di Mu può ispirare un approccio innovativo alla leadership: cura intesa come lasciare spazio per far emergere il nuovo dall’essenza delle cose e delle persone. Martin Heidegger aveva espresso un principio simile in Essere e Tempo: “La cura è il brillare dell’essenza nelle cose concrete”.

In tutto il mondo stiamo assistendo a cambiamenti epocali. L’applicazione da parte della Politica e dell’Ecomomia dei principi del Monozukuri e del Mu sarebbero un’alternativa all’arida circolarità e alla insostenibile logica del mero profitto. I lavoratori chiedono opzioni più flessibili e ambienti più sani alle proprie imprese. I datori di lavoro dovrebbero fronteggiare il preoccupante Great Resignation trend, adottando un nuovo stile di leadership che applichi Monozukuri e Mu per evolvere soluzioni ibride di smart working in wise working: un modello organizzativo incentrato su KEI (Key Evolution Indicators) piuttosto che KPI (Key Performance Indicators), in cui il vero motore della prosperità (che contiene il profitto) risiede nello spazio disponibile per processi non distruttivi ma dirompenti di sviluppo del potenziale umano. 

More